Quindici19 e' un concorso di cortometraggi aperto ai ragazzi di età compresa tra i quindici e i diciannove anni, completamente organizzato dagli studenti del Liceo Righi di Roma.
 

 

La cerimonia di premiazione avra' luogo domenica 8 giungo alle ore 21.00 presso il giardino del Liceo Righi di Roma in via Boncompagni 22. Durante la serata verranno proiettati i corti in gara sia italiani che stranieri, provenienti da numerose scuole secondarie superiori.

 

La giuria sara' composta da professionisti del mondo della cultura e dello spettacolo che hanno accettato con entusiasmo di contribuire a questa iniziativa, oltre che da due studenti di licei romani.

 

Il corto vincitore verrà premiato con un corso presso l’Accademia del Lusso di Roma e proiettato presso la 'Casa del Cinema' e tutti i partecipanti saranno invitati ad una visita guidata a Cinecittà si Mostra, presso gli studios di Cinecittà.

 

 

Per    maggiori    informazioni:

 

Lorenzo Biferale:  lorenzo.biferale@gmail.com   

Veronika Stattin: veronika.stattin@hotmail.it

GIURIA

ROBERTO DI COSTANZO

Sono Roberto Di Costanzo. Ritrattista illustratore costumista. Credo nelle favole che illustro tra l' Italia e la Francia. Da sempre eclettico e dinanico tra cinema editoria e disegno.Ho illustrato 6 libri, sono alla mia 22esima mostra. Soprannominato da sempre il ragazzo con la valigia. Insegno storia del costume all' Accademia del Lusso e tengo masterclass sul disegno in tutta Italia.Vivo l' arte in maniera totale nel quotidiano; una sorta di agonismo dell' anima a cui non posso rinunciare.

 

BIAGIO FERSINI

Sono nato a Parabita Le il 7 dicembre 1967. Mi sono orientato sin dai primi anni nel campo artitico con particolare interesse verso le arti decorative e la scenografia. Nel 1987 ho conseguito il titolo di scenografo dopo aver frequentato l’Accademia delle Belle Arti di Roma. Le prime esperienze lavorative, condotte già durante gli studi, mi hanno permesso di entrare in contatto con il mondo degli artisti Romani impegnati nel campo della pittura e del teatro, tra cui Renato Mambor, Carlo Lizzani e Luca De Filippo. Dal 1993 al 1997 ho lavorato con continuità per le maggiori emittenti televisive nazionali tra cui la RAI TV Canale 5 e Telemontecarlo, come assistente scenografo prima e come scenografo titolare poi. Seguendo la naturale passione che nutro per il cinema nel 1997 ho iniziato l’esperienza in questo settore lavorando come assistente scenografo e disegnatore per una serie di film di rilievo tra cui “La leggenda del pianista sull’oceano” di Giuseppe Tornatore e “Un tè con Mussolini” di Franco Zeffirelli in cui ho rivestito il ruolo di scenografo e“Titus” di Julie Taimor . Ho seguito una serie di lavori che mi hanno impegnato in film di giovani registi italiani di successo e in alcune produzioni cinematografiche per la RAI TV tra cui “ Il commissario Montalbano” (1999) e “ Agrodolce”(2007). In questo periodo sono stato titolare scenografo di 13 films. Negli ultimi anni ho maturato ulteriormente la mia esperienza con produzioni di film presentati al Festival del Cinema di Venezia 2010 ( I baci mai dati di Roberta Torre) e al Festival del Cinema di Roma ( La scomparsa di Patò di Rocco Mortelliti ). La mia filmografia completa con maggiori dettagli e consultabile sul sito:http://www.imdb.com/name/nm1287203/

 

BARBARA GORETTI

Sono nata a Roma nel 1976 e mi sono laureata in Lettere, con indirizzo in Storia dell'Arte Contemporanea all'Università La Sapienza. Ho conseguito un Perfezionamento in economia e valorizzazione delle Istituzioni Culturali a Roma Tre. La mia formazione è prettamente museale ed è iniziata collaborando prima con il Dipartimento Didattico della GNAM Galleria Nazionale d’Arte Moderna e co - coordinando successivamente l'Ufficio Didattico del MACRO, il Museo Arte Contemporanea di Roma. Ho coordinato mostre, cataloghi e pubblicato testi sull'arte moderna e contemporanea e sulla didattica dell'arte. Appassionata di cinema e dei linguaggi audiovisivi, porto avanti un indirizzo di ricerca che indaga le relazioni tra arte e cinema. Ad oggi sono il Responsabile delle Attività Educative di Cinecittà si Mostra, l’iniziativa espositiva presso Cinecittà Studios, e curo progetti didattici sull’arte contemporanea e sul cinema nelle scuole di Roma.

 

 

GIORGIO GOSETTI

Sono veneziano, sono nato ben dentro il secolo scorso, ho studiato al classico, mi sono laureato a Roma dove vivo. Mi occupo di cinema da quando avevo 13 anni e quindi - in così tanto tempo - forse dovevo fare di più. Però ho fondato festival di cinema, ho lavorato alla Mostra di Venezia e al Festival di Roma, ho diretto la promozione del cinema italiano all'estero, scrivo da più di 20 anni per l'agenzia ANSA, ho pubblicato qualche bel libro di saggi e, senza vero merito, insegno all'università di Bologna (Dams) e Milano (Iulm). Credetemi, mi sono molto divertito e ancora mi diverto.

 

GIORGIO GUARNIERI

Dal 1977 al 2010 ho svolto la mia professione di archivista presso l’Archivio Fotografico della Galleria Nazionale d’arte Moderna e Contemporanea e della Soprintendenza ai beni artistici di Palazzo Venezia (Ministero per i Beni Culturali). Negli anni ’60, Dopo aver studiato Storia dell’arte con Marisa Volpi Orlandini, mi sono dedicato completamente alla critica d’arte con impegno interdisciplinare, seguendo la lezione storica di Ragghianti, e ho cercato un nesso comune tra arte figurativa, musica, architettura, letteratura, fotografia e cinema. I risultati conclusivi di questo lungo lavoro di ricerca li sto raccogliendo adesso in un volume antologico che ospita anche un saggio sul cinema dal titolo esplicitamente crociano: Il cinema tra scrittura in versi e scrittura in prosa. Negli anni ’70 ho frequentato a lungo il Filmstudio, fonte inesauribile di studio e di conoscenza della storia del cinema. Per la Biblioteca Comunale di Borbona (Rieti) ho curato dal 1999 al 2010 un ciclo di conferenze sul cinema, con proiezione dei film commentata in diretta con una lettura critica: Il cinema delle origini. A questo ciclo ho abbinato (2003-2005) delle riflessioni sull’esteticità della Televisione, della Pubblicità e dei video musicali. Come membro della giuria del Concorso Nazionale Bachelet di Fotografia ho tenuto nel 2005 una conferenza sulla Fotografia al Centro Sperimentale di Cinematografia Roberto Rossellini di Roma (Arte e Fotografia, i percorsi creativi della fotografia dalle origini ad oggi).

 

LUDOVICA MARINEO

Per me il cinema comincia con la neve finta della prima volta che entrai a Cinecittà a 4 anni per mano a mio padre che era attore. Preso il virus non sono più guarita e ancora oggi ne patisco le conseguenze. Sono stata contagiata a tutto campo diventando sceneggiatrice e infine anche regista ma saltando anche spesso davanti a un microfono come doppiatrice. Malatissima quindi. Ma mi auguro di non guarire mai.

 

ALFREDO PIRRI

…In tutti questi anni il mio interesse per lo spazio è rimasto predominante fino a sfiorare l’architettura, tema che tuttora continua ad interessarmi moltissimo. Si tratta di un interesse “politico”, inteso come carattere morale, dove per “morale” si deve intendere il tentativo di mostrare uno stato di necessità del fare artistico, qualcosa di necessario alla sopravvivenza stessa, una specie di battaglia a favore dell’esistenza…

Ho esposto in mostre personali e collettive in Italia e all’estero: Biennale di Venezia , PS1, New York, Biennale d’arte contemporanea dell’ Havana,Palazzo delle Papesse, Siena, Walter Gropius Bau, Berlino, Villa Medici, Roma, Bunkier Stzuki ,Krakov, Centro d'arte "La Pescheria" Pesaro, Museo d’arte contemporanea Rjieka, Maison de la Photo Parigi, Galleria Nazionale d’Arte Moderna – Roma, dove la mia installazione dal titolo “Passi” è esposta in permanenza facendo parte della sua collezione. 

Ho svolto attività di insegnamento e seminari in diverse istituzioni fra cui: Bezalel Academy di Gerusalemme, Accademia di Lione, Università La Sapienza di Roma, Accademia Belle Arti di Urbino. Ho curato progetti rivolti a giovani artisti (Accademia dello Scompiglio, Lucca).

 

PAOLA ROTELLA

Sono professionalmente attiva nel settore dello spettacolo e della comunicazione da trent’anni. Ho maturato immediate esperienze di team working in ambito teatrale, dove, oltre a conseguire importanti consensi come attrice e regista, ho acquisito esperienze gestionali in qualità di direzione artistica. Parallelamente all’attività teatrale ho iniziato a collaborare in ambiti discografici attraverso l’ideazione, la direzione e realizzazione di videoclip e long form video destinati al trade, di eventi di lancio per marchi discografici major (BMG/Sony/EMI), di scrittura come copywriter per comunicazione pubblicitaria, di consulenza generale su artisti e brand. Ho maturato inoltre esperienze televisive come autrice e conduttrice (MagicTV) oltre che come voce radiofonica per la RAI. Le mie capacità di scrittura mi hanno portato a pubblicare un romanzo per la Robin Edizioni, quelle relazionali mi hanno condotto all’insegnamento delle tecniche di comunicazione e di gestione dell’evento presso l’Accademia del Lusso, mentre ho continuato a fornire il mio contributo per management artistici in qualità di public relation, promoter e press office.

 

DANIELA STANGA

Mi sono diplomata alla scuola del Teatro Nuovo di Torino, dove ho iniziato un’intensa attività professionale come attrice. Mi sono specializzata nella formazione dell’attore partecipando a diversi laboratori del Teatro di Peter Brook e compiendo studi privati di composizione vocale con Gabriella Bartolomei.

Teatro: Sono regista e interprete di spettacoli in cui voce e musica s’intrecciano. (Erik Satie, maestro Mario Marengoni; La moglie con le Ali: musiche di Giancalo Facchinetti; I sonetti di Shakespeare: musiche di Jean Philippe Bourdieu; In ricordo di Pier Paolo Pasolini: Trio Giuliani, Montalbetti, Giacometti; Partitura per un massacro, da L.F. Céline: musiche di Roberto Bellatalla, regia di Ubaldo lo Presti). Sono attrice protagonista in numerosi spettacoli del Teatro Nuovo di Torino (Nascere sulla Terra, di Primo Levi, Le serve di J. Genet: regia di Massimo Scaglione); del C.T.B, diretto da Renato Borsoni (Il Sergio, di Ludovico Fenarolo; Invece di Don Chisciotte).

Ho collaborato come regista con il Drama Studio - Roma

Radio: RaiTre (Teatrogiornale, Gli Dei e gli Eroi della Grecia e altre produzioni)

Cinema: Il Grande Blek di Giuseppe Piccioni, A Good Woman, regia di Mike Barker

Televisione: (Distretto di Polizia, Donna detective, Casa Famiglia, Don Matteo, La squadra, Ho

sposato uno sbirro). Ho lavorato anche per la Televisione della Svizzera Italiana.

 

EMILIA LOI

Da quando ho 14 anni sono appassionata di fotografia. Ho cominciato scattando assiduamente, da autodidatta, finché ho deciso di frequentare alcuni corsi di tecnica fotografica, storia della fotografia, fotoreportage e fotoritocco. Attualmente frequento un corso di fotografia in studio, incentrato sul ritratto, all' Istituto Superiore di Fotografia di Roma (ISFCI). Quest' anno ho avuto l'occasione di fare un po' di esperienza scattando per un' uscita mensile della rivista "Romeo & Juliet" e per il progetto teatrale "Classicidentro", organizzato in alcuni licei romani. La mia passione per la fotografia è l'unica certezza che ho in questo momento, so che quello che voglio fare in futuro è creare immagini, e per questo cerco di sfruttare ogni occasione che mi si presenta.

 

LORENZO BIFERALE

Sono ancora uno studente ma con una grande passione, il cinema. Mi sono sempre interessato a questo magico mondo e, con un gruppo di amici, siamo riusciti a mettere in piedi questo esperimento che è quindici19. Ho frequentato diversi corsi di filmaking. La scorsa estate alla Met Film School, presso gli Ealing Studios di Londra, e questo inverno alla London Film School. Non ho esperienza nel mondo del cinema ma ho qualcosa che forse conta anche di più, la passione e l'ambizione.

 

 

 

QUINDICI

19